Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2016

Referendum Brexit: la storia non si ferma, né per l'Uk né per l'Europa

Con il Brexit pare che nel Regno Unito abbia vinto la democrazia. Nel bene come nel male. Nonostante il terrorismo mediatico e finanziario sul rischio Brexit. Nonostante l'omicidio della deputata laburista Jo Cox commesso da un fascistoide britannico.

Ora ci sono 2-3 anni di percorso per confermare questa scelta. Borse e mercati non sono contenti ma non è solo questo il problema. Altri Paesi europei potrebbero chiedere un referendum per uscire. Da noi leghisti e estrema destra ricominceranno a soffiare sul fuoco, dall'alto dei loro proclami sgonfi di progettualità.


Brexit: gli effetti nel Regno Unito e nell'Europa
Ma anche nello stesso Regno Unito le cose si complicano. Innanzitutto Cameron sta affermando che a ottobre ci sarà un nuovo primo ministro. Non quindi nuove elezioni ma un avvicendamento. Probabilmente sarà l'ex sindaco di Londra Boris Johnson, che ha puntato tutto sull'euroscetticismo. Cosa che fece lo stesso Cameron, salvo poi realizzare un accordo con…

Moses, la rivoluzione dell'armonica beatbox nella vittoria a Italia's Got Talent

"Portare avanti una rivoluzione umana", queste parole così roboanti di Moses, il vincitore di Italia's Got Talent 2016 grazie a un rivoluzionario modo di suonare l'armonica a ritmo di beatbox

Il vero nome è Simone Concas, sardo che vive a Londra, ha le idee chiare. Talmente chiare che la sua convinzione lo ha portato fino in fondo a questa avventura, che gli garantirà un futuro da artista con la visibilità e 100.000 euro.

Fassina ko, Casapound ok: comunque si avvantaggia Renzi

Queste elezioni amministrative più che i fuochi di artificio stanno portando l'artiglieria pesante. L'esclusione di Stefano Fassina dalla corsa a Roma ha dell'incredibile: ironia e polemiche sul web sono ormai la norma, pensando che se non sono in grado di presentare le liste come pensano di cambiare il Paese.



Ci sarebbe da chiedersi piuttosto:
 quanto difficili e farraginose sono queste regole per la presentazione delle liste (ma i cittadini comuni come fanno se non riescono forze politiche?);che spesso si chiude un occhio su come si raccolgono le firme e si presentano le liste (quando invece si controlla rigidamente?);che l'esclusione di Fassina a Roma e di Fratelli d'Italia a Milano potrebbero dare una mano al Pd di Renzi, che con le sconfitte di queste due grandi città rischierebbe una fine politica prematura.