Passa ai contenuti principali

Il referendum Possibile e l'informazione negata

Per gli otto referendum di Possibile lo scoglio delle 500mila firme e del tempo (scadenza a settembre). In attesa di intervistare Pippo Civati facciamo il punto anche sui media "disinteressati" a informare su un evento importante come la democrazia diretta


referendum civati Possibile #8sì
I referendum #8sì di Possibile, promossi dall'ex deputato del Pd Pippo Civati


Pippo Civati, e con lui la sua forza di delusi-astenuti-annoiati dalla politica odierna che si è data il nome di "Possibile", si è dato nove settimane e mezzo di tempo. Per raggiungere l'insperato obiettivo di 500.000 firme necessarie per poter sottoporre a consultazione refendaria gli 8 quesiti che formano l'iniziativa cosiddetta "#8SI".. un vero e proprio 'pensiero stupendo' il suo.

Già, perché un'iniziativa del genere, come tante altre che in passato sono state portate avanti,è destinata non solo a scontrarsi con la generica resistenza del popolo italiano agli strumenti della partecipazione popolare (molto usati invece in altri Paesi d'Europa), non solo con l'opinione ostile delle controparti politiche, ma anche e soprattutto con l'ostracismo che la stessa sinistra fa. La sinistra i cui temi del referendum, tra poco svelati, dovrebbero essere temi portanti. Ma una parte ha fatto orecchie da mercante e si è dimenticata di dargli il sostegno necessario, sostegno arrivato invece da Alessandro Di Battista del Movimento Cinque Stelle, che si è schierato a favore della consultazione.


Così come la sinistra, anche i mass media, a parte qualche eccezione come il Tg La7 di Enrico Mentana (vedi video) e a sorpresa il Tg5, sembrano dimenticare l'esistenza di questo strumento, negando la notizia e venendo quindi meno al proprio compito fondamentale: informare. Stupisce, ma forse neanche molto, che ci siano soprattutto le reti appartenenti al servizio pubblico, quelle che meno si sono spese in servizi su questo referendum. Andiamo a vedere però di cosa parla, cos'è che effettivamente si vuole abrogare attraverso questa consultazione. Come è già stato detto le domande che si fanno sono otto e riguardano essenzialmente quattro temi: democrazia, ecologia, lavoro e istruzione.

Ci si chiede in questi otto punti se si vogliano:
  • abrogare il blocco dei capilista (che andrebbe a creare quindi eletti di serie a ed eletti di serie b) e quindi di conseguenza la legge elettorale che li prevede; 
  • rivalutare in senso ecologico l'economia, eliminando delle grandi e piccole opere derivanti dal Decreto-Sviluppo o dal decreto Sblocca-Italia che rischiano di avere un devastante impatto ecologico;
  • abrogare o meno le parti del discusso Jobs Act che permettono il demansionamento (prima negato) o la mancanza di tutela per i licenziamenti economici;
  • annullare il ruolo dominante del preside previsto da "BuonaScuola" che gli consentirebbe di assumere personalmente gli insegnanti, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili.
Ora in questa sede non si vuole dare alcun giudizio di valore sul merito o meno di questa iniziativa, lo scopo, come ogni mezzo d'informazione che si rispetti, è appunto quello di informare, di rendere noto che esiste questa possibilità.

Chiunque abbia voglia di saperne di più, in attesa di un'intervista che Civati ha accettato e che pubblicheremo a breve, può consultare la pagina referendum.possibile.com .

Articolo pubblicato anche su Agora Vox Italia.

Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…