Passa ai contenuti principali

I 5 motivi per cui la gaffe di Miss Italia è diventata virale

La neo eletta Miss Italia ha già ottenuto oltre alla agognata corona i suoi 15 minuti di popolarità wharoliana riuscendo a scatenare contemporaneamente sia l'ira che l'ironia del web. A farle questo regalo la poco felice affermazione sul desiderio di nascere nel 1942, per poter vivere e conoscere in prima persona la seconda guerra mondiale.




Partendo dal presupposto che, nonostante in un concorso di bellezza la cultura non sia un requisito fondamentale non significhi necessariamente che per partecipavi si debba esserne totalmente privi, in questo caso più che di ignoranza io temo si tratti semplicemente di assoluta superficialità e totale assenza di spirito critico. Per spezzare una lancia in suo favore bisognerebbe ricordare che la diciottenne viterbese Alice Sabatini si è trovata invischiata in un meccanismo mediatico che l'ha trasformata in un 'mostro immorale' dopo averla per anni illusa che il senso della vita si possa scoprire facendo la corteggiatrice televisiva o la valletta o ancor meglio la concorrente in un reality o concorso qualsiasi. Questa fortunata Miss Cinema ha mandato in tilt i social per almeno 5 buoni motivi indipendenti sia dalla sua volontà che dalla sua formazione critica e culturale:


  1. Il programma di Miss Italia è sbarcato su La7 il cui pubblico è in gran parte composto da radical chic e nessuno adora indignarsi tanto quanto un radical chic;
  2. L'unica guerra che ha davvero mai visto da vicino deve essere stata quella per ottenere l'inquadratura migliore sul palco;
  3. Oltre a quello di storia anche il suo prof di matematica deve essere stato scarso perché se fosse nata nel 1942 la guerra non l'avrebbe vissuta comunque da adulta visto che nel 1945 è finita e lei avrebbe avuto 3 anni;
  4. Nessuno gli ha ancora spiegato che le antiche bombe non erano missili intelligenti e quindi ahimè uccidevano anche le donne non solo gli uomini che facevano il militare;
  5. Ci sono centinaia di siriani in fuga dall'orrore di un conflitto armato ancora in corso quindi se vuole vivere la guerra volendo può trasferirsi lì;

Attendiamo con ansia il suo primo film, magari una rivisitazione di Alice nel paese delle meraviglie con la sceneggiatura di Crozza .



Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…