Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

Stereotipi e luoghi comuni sugli immigrati che nascondono le tristi verità

Le continue notizie di cronaca con al centro episodi di intolleranza e di discriminazione nei confronti degli immigrati, portano alla luce una situazione grave, che merita di essere analizzata. Innanzitutto, quanto sono veri gli stereotipi che ruotano intorno agli stranieri? 

Il momento storico-culturale italiano è uno dei più delicati di sempre; xenofobia e razzismo, sono due temi sempre più frequenti nei dibattiti che interessano l’italiano medio, fomentati da movimenti politici "populisti" (nel senso che gli viene attribuito in questi anni; vedi significato originario di populismo), che hanno individuato nella caccia allo straniero il capro espiatorio per risolvere tutti i problemi dell’Italia; questa isteria collettiva è anche alimentata dai mass-media che deformano la realtà per fini scopi commerciali.


I 5 motivi per cui la gaffe di Miss Italia è diventata virale

La neo eletta Miss Italia ha già ottenuto oltre alla agognata corona i suoi 15 minuti di popolarità wharoliana riuscendo a scatenare contemporaneamente sia l'ira che l'ironia del web. A farle questo regalo la poco felice affermazione sul desiderio di nascere nel 1942, per poter vivere e conoscere in prima persona la seconda guerra mondiale.




Rugby, le novità del mondiale 2015: i punti e il Giappone

Per i mondiali di Rugby 2015 nel Regno Unito si sperimenta un nuovo sistema di punteggio che non tenga in considerazione solo la vittoria. Nel frattempo arrivano i primi risultati clamorosi, come le vittorie di Giappone e Georgia.

Come mai nel Mondiale di Rugby 2015 appena iniziato le squadre che vincono possono ottenere punti diversi? E come mai alcune di quelle che perdono riescono ad ottenere dei punti? Si tratta di un esperimento interessante. La vittoria vale quattro punti, la sconfitta zero, il pareggio (una rarità nel rugby) due punti a ciascuna squadra.


Monaco e i rifugiati: la Germania tra problemi e solidarietà

Dodicimila persone, tra migranti e rifugiati, sono arrivate a Monaco solo il 12 settembre.  La svolta impressa dal cancelliere tedesco Angela Merkel sta facendo sentire il suo peso nella realtà dei fatti, difficile e tragica.
Altre decine di migliaia sono previste in pochi giorni alla stazione di Monaco, ormai un fiume di gente. La situazione creatasi sta mettendo a dura prova i rapporti politici tra la Cdu della Merkel e gli alleati bavaresi cristiano-sociali della Csu, che cominciano a chiedere interventi per alleviare la situazione che sta sopportando la città.

Il referendum Possibile e l'informazione negata

Per gli otto referendum di Possibile lo scoglio delle 500mila firme e del tempo (scadenza a settembre). In attesa di intervistare Pippo Civati facciamo il punto anche sui media "disinteressati" a informare su un evento importante come la democrazia diretta


Pippo Civati, e con lui la sua forza di delusi-astenuti-annoiati dalla politica odierna che si è data il nome di "Possibile", si è dato nove settimane e mezzo di tempo. Per raggiungere l'insperato obiettivo di 500.000 firme necessarie per poter sottoporre a consultazione refendaria gli 8 quesiti che formano l'iniziativa cosiddetta "#8SI".. un vero e proprio 'pensiero stupendo' il suo.

Io, al festival del Cinema di Venezia come membro di una giuria protestante

Una giuria protestante per il premio interreligioso al film che meglio rappresenta i temi legati alla religione. Testimonianza per Nuova Repubblica di Thanat Pagliani, giovane aspirante regista e metodista.

Il Cinema con la C maiuscola racconta la realtà, la società con le sue contraddizioni, ma soprattutto l’uomo con tutti i suoi conflitti. Questo è essenzialmente il cinema d’autore, tipo di cinema che troviamo raramente nelle multisale dove invece troviamo invece maggiormente produzioni hollywoodiane. Il cinema d’autore ha modo di farsi conoscere nei festival cinematografici, come quelli di Berlino, Cannes e Venezia. Recentemente ho avuto l’occasione di partecipare al festival del cinema di Venezia, noto anche come La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Syriza e Tsipras: dalle stelle alle stalle in soli sei mesi

Era febbraio quando sembrava incredibile che la Grecia avesse il primo governo di sinistra, anzi di sinistra radicale (Syriza è un acronimo che significa "Coalizione della sinistra radicale"). Tante aspettative e molte promesse, come il programma di Salonicco, poi i problemi. Alcune cose sono state fatte, come il ripristino della televisione di Stato Ert e del reintegro dei giornalisti e dipendenti licenziati, l'aumento del salario minimo, la non pignorabilità della prima casa, altre no.



L'attesa di San Marino: quattordici anni per un gol

Per San Marino un punto conquistato nel pareggio a reti bianche contro l'Estonia e un gol realizzato, quello di Matteo Vitaioli, contro la Lituania. Pareggio sfumato, per la i Titani, ma la nazionale maschile di calcio sammarinese è riuscita nell'invertire un trend che durava da quattordici anni: insaccare un pallone alle spalle del portiere avversario in una partita giocata al di fuori dell'Olimpico di Serravalle.
La storia, se si volesse leggerla e riportarla nella maniera più oggettiva possibile, sarebbe eccessivamente stringata e svilita di ogni emozione e di sentimentalismo: Matteo Vitaioli, al decimo minuto della ripresa, sigla il gol del pareggio nella partita che vedeva contrapporsi, fuori dai confini del Titano, la nazionale della Lituania e quella della Repubblica di San Marino.
Sarebbe ingeneroso e, decisamente, ben privo di romanticismo e sentimentalismo riportare nel modo sopra esposto un avvenimento quasi storico. Perché di questo si parla: la nazionale masch…

Rifugiati, ok della Germania ma manca una strategia europea

Germania e Austria aprono agli immigrati. Gran Bretagna pure ma come al solito fa da sé. A differenza dell'Italia però si scelgono quali rifugiati accogliere. Nel frattempo l'Europa prova a coordinarsi.


In migliaia arrivano via treno a Monaco e a Vienna, dove passano la notte. La Baviera terrà migliaia di persone in vari distretti ma sta chiedendo supporto agli altri stati regionali della federazione tedesca. Pare che piccoli gruppi vengono suddivisi per essere accolti in strutture in piccoli comuni. A Monaco, nonostante l'ansia, sembra abbiano preso bene questa decisione.

Il cancelliere tedesco Angela Merkel si è accordato con quello austriaco Werner Faymann. L'organizzazione è prioritaria per i tedeschi, stabilire numeri, luoghi, quantità e così è stato.

Passera, Della Valle &Co. Tornano i partiti di notabili?

La tanto vituperata Prima Repubblica, quella nota a tutti per la fine ingloriosa avvenuta con Tangentopoli, vedeva protagonisti uomini politici colti, professori, persone di varie professioni liberali, giuristi, avvocati.

Ora, oltre a una schiera di magistrati e avvocati, c'è l'invasione dei ricchi imprenditori, quelli che fanno parte dei cosiddetti salotti e che hanno un'influenza notevole. Il primo a battere questa strada fu Silvio Berlusconi nel 1994 con notevole successo (soprattutto a causa di una classe politica non più credibile di fronte all'opinione pubblica dei primi anni 90).