Passa ai contenuti principali

Figli di uno sport minore

 Paola Giorgetta, oro ai mondiali di nuoto paralimpici di Los Angeles. Ma anche l'oro del judo di Giovanni Esposito o la finale di tennis a Norimberga tutta al femminile. Piccole storie di sport dimenticati, perché girano pochi soldi.

 

Paola Giorgetta mostra l'oro. Foto da www.sansalvo.net

 

Post pubblicato su Linkiesta


Sono appena finiti i mondiali di nuoto di Kazan, l'Italia ha ottenuto un bel bottino in termini di medaglie. C'è stato l'oro storico di Gregorio Paltrinieri nei 1500 stile libero, con Sun Yang, il cinese era favorito, che non si presenta alla gara, motivando successivamente con problemi cardiaci. Con Federica Pellegrini che strappa un argento insperato nei 200 stile libero. Ai tuffi una grande Tania Cagnotto che sul trampolino da un metro batte addirittura le cinesi mentre arriva sul podio con i tuffi da tre metri.

Di questo ne avrete sentito parlare, soprattutto se vi interessa lo sport. Un po' più difficile venire a conoscenza dai grandi media di altri italiani che hanno fatto la loro gran figura in contesti internazionali. Di solito questo accade perché le donne sembra debbano fare meno notizia dei maschi ma soprattutto se nelle competizioni girano meno soldi (e quindi meno potere).

Innanzitutto mentre in Russia si sono svolti i mondiali di nuoto, è a Los Angeles che sono avvenuti i mondiali di nuoto paralimpici. Sarebbe bello se almeno la tv di Stato desse un adeguato spazio a questo tipo di gare sportive, tanto per essere meno ipocriti quando si fanno certi discorsi. Negli Stati Uniti è arrivato un oro da Paola Giorgetta nei 25 dorso dopo un un bronzo nei 50 stile libero. La molisana ha reso orgogliosa la sua regione che l'ha festeggiata per questo risultato. Ultimamente si sono viste delle iniziative mediatiche a favore delle persone con sindrome di Down, basti pensare a Hotel sei stelle andato in onda sulla Rai, e parlarne assieme allo sport è modo per coinvolgerci come cittadini per cercare di far pesare il meno possibile a queste persone la propria diversità, che anzi può e deve trasformarsi in risorsa per tutti.




Va detto che Paola Giorgetta è riuscita a partecipare a questi mondiali di nuoto grazie alla Regione Molise che ha finanziato la trasferta. Quindi la politica deve occuparsi di più di queste iniziative, perché con pochi soldi può fare molto a scopo sociale.

Il torneo di tennis di Norimberga, sicuramente non tra i principali ma che ha visto una finale tutta italiana tra Roberta Vinci e Karin Knapp. Alla fine ha vinto l'altoatesina-sudtirolese Knapp.

Passiamo ai mondiali cadetti di judo a Sarajevo. Il diciassettenne napoletano Giovanni Esposito ha vinto la medaglia d'oro nella categoria 66 chili. Biagio d'Angelo, cresciuto a Scampia, ottiene la medaglia d'argento nella categoria 50 kg. Sofia Petitto vince un argento a 14 anni nella categoria 44 kg.

I media, a parte il calcio e i principali sport, soprattutto maschili, tendono a relegare a un trafiletto le notizie sugli altri sport, quando se ne ricordano.
Forse è arrivata l'ora di cambiare prospettiva, di dare pari dignità agli sport e non crearne una gerarchia in base ai soldi che girano e al potere che generano.

Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…