Passa ai contenuti principali

Quegli islamici che non ti aspetti (a causa dei pregiudizi)

Se chiedessi in giro "cosa pensi dei musulmani?" potrei ottenere varie sfumature di risposte, fatte però di pochi colori. Colori anche contrastanti ma soprattutto colori (o)scuri e opachi. Si sa cosa pensa l'italiano medio, di questi tempi, degli islamici. Lo stereotipo dell'Isis o dello straniero invasore "che toglie lavoro ai nostri figli" ormai è parte del racconto 'nazional-popolare'.

Poi però, basta voler togliere il prosciutto dagli occhi (anche per rispetto loro che non mangiano maiale) e si scoprono altre sfumature, altri colori. Come quello che mi sono trovato davanti un sabato di giugno nel quartiere Centocelle di Roma. Un gruppo di persone dedite a pulire e a togliere erbacce e rifiuti dall'Acquedotto Alessandrino, un'opera che resiste dai tempi dell'antica Roma, da quando fu costruito dall'imperatore Alessandro Severo. L'Associazione Culturale Islamica Italiana, presente nel quartiere con tre moschee tra cui quella a due passi dall'acquedotto, ha preso a cuore il territorio in cui vive, molto più di molti abitanti italiani da generazioni. Con il circolo Città Futura di Legambiente hanno collaborato e continueranno con altre iniziative nel segno dell'ambiente e del decoro.

"I cittadini che passano, anche quelli anziani di vecchia memoria, ci dicono 'non ci ricordavamo più che sotto ci fosse l'acquedotto' - affermano il presidente del circolo Città Futura Amedeo Trolese e l'attivista Luciano Ventura -. Abbiamo liberato 50 metri dei 22km di acquedotto, ci piacerebbe fosse da stimolo per i cittadini a non sporcare e a rimboccarsi le maniche per aiutarci a ripulire. Ma anche per le istituzioni, per ricordarsi che in questo territorio c'è un patrimonio che rappresenterebbe la fortuna di qualsiasi città del mondo".

Questo tratto rientra nella via Francigena, sempre più nota soprattutto per i fedeli che la attraversano. E saranno sempre di più con l'avvio del Giubileo straordinario voluto da Papa Francesco. E, curiosità, proprio in questi giorni si sta parlando della sua enciclica sull'ambiente.

foto di Giorgio della Rocca

Anche gli islamici si interessano al tema come fa Jorge Mario Bergoglio e come gli ambientalisti fanno da tempo. Molti romani invece si disinteressano. Se decenni fa i poveri ci costruivano le baracche per viverci ora gente meno povera ci parcheggia sotto gli archi. La scusa dei pochi parcheggi disponibili è sempre pronta.

Leggi anche:

Migranti di serie A.



"Ci troviamo bene qui, ci sentiamo inseriti, stiamo svolgendo un ruolo utile per la comunità e la società, perché ci interessa vivere in un ambiente pulito e tenuto bene - risponde alla nostra domanda Mohamed Ben Mohamed, presidente dell'Associazione culturale islamica/moschea di Centocelle -. Con i nostri amici di Legambiente magari progettiamo altre iniziative più avanti, così ci sentiamo anche con le altre realtà del quartiere e della città". Poi il pensiero va subito a certe identificazione fatte negli ultimi tempi: "Vogliamo dare un messaggio positivo anche per sconfiggere alcuni pregiudizi e alcune visioni che non sono realistiche e vere sulla nostra presenza, sulla nostra comunità e sull'islam in generale".

Roma, Acquedotto Alessandrino. Foto: Emanuele Rigitano
Roma, Acquedotto Alessandrino. Foto: Emanuele Rigitano

Ci sono anche alcuni giovani e alcune ragazze, tra cui Sumaya, responsabile romana dell'Associazione Giovani Musulmani d'Italia: "Molti dei passanti si sono fermati per ringraziarci. Da musulmani dimostriamo l'importanza per l'ambiente che ci circonda e che ha la città in cui viviamo. Bisogna valorizzare la cultura perché Roma è una città con grandissimi reperti archeologici e grandissima cultura. Quindi è giusto che oltre al Colosseo, ai fori romani, alle piazze più conosciute si valorizzi anche questo".

E come darle torto.

Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…