Passa ai contenuti principali

Silvio, te sei dimenticato de fà er partito repubblicano



Anni fa scrivevo sul forum Politica On Line. Si parlava di politica ed era facile infiammare i dibattiti. Così accadde mentre si parlava con dei perfetti sconosciuti di Berlusconi e dei suoi risultati politici. Era il 2007.
Ad un certo punto uno degli sconosciuti, nascosto dietro uno pseudonimo, se ne esce dicendo "Ma perché Berlusconi non fa il leader del partito Repubblicano Italiano?". La domanda incuriosisce e alla fine questa persona prende atto che il partito Repubblicano che esiste in Italia non è simile a quello degli Stati Uniti. Figura barbina a parte che suscita ilarità va detto che però c'era un tratto di genialità in quelle parole.

Ora me lo chiedo io, senza confondermi: perché Silvio non hai fatto la versione italiana dei repubblicani dell'elefantino?
Perché te ne esci solo ora in una maniera alquanto sgangherata? Avevi Giuliano Ferrara che ne ha fatto largo uso di quel simbolo, avevi un centrosinistra che con Veltroni si stava organizzando nel partito Democratico, quindi richiamando oltreoceano gli echi del giovane Barack Obama. Con i soldi che avevi potevi "comprartelo" il partito Repubblicano erede (ormai sbiadito) di Giuseppe Mazzini, pagavi quel che dovevi pagare, garantivi poltrone e posti di privilegio ai leader di quell'ormai piccolo partito, ci mettevi un bel simbolo chiaro nel messaggio.
Ti accordavi nel 2008 con Veltroni per candidarsi da soli, senza coalizione. Magari perdevi, chissà, magari no. Però ti saresti avvicinato al bipartitismo, che tu e Renzi tanto volete. E invece no.

Non lo hai fatto perché a te il lato politico delle cose non interessa. Nemmeno contrattare, a meno che non sei costretto (infatti Michela Vittoria Brambilla andò subito a registrare nome e simbolo del Partito della Libertà e tu dovesti ripiegare sul termine Popolo, che faceva populista e movimentista).

Verrai ricordato per...per...vabbé per Mediaset, Milano 2, il glorioso Milan....e poi le olgettine, Ruby, Fede e Lele Mora.

Vabbé.

Ora Berlusconi blatera di farlo sto benedetto partito repubblicano in stile Usa, ma forse è l'ultima pallottola spuntata di un leader che non sa più che pesci prendere.

P.s.: il bipartitismo funziona negli Stati Uniti e non più tanto bene, perché sono abituati così e le istituzioni sono regolate in un certo modo. In Italia significherebbe ridurre il dibattito pubblico e la democrazia, non migliorare l'efficienza e la governabilità.

Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…