Passa ai contenuti principali

L'altro Matteo



- Inauguriamo la sezione "Opinioni" di NuovaRepubblica, in cui capiterà qualche caratterizzazione del discorso in base al punto di vista del blogger redattore. - 
La redazione


Matteo Salvini è l'altro matteo, perché di Matteo, fino ad ora, c'è stato solo Renzi. Il neo segretario del Partito Democratico e Presidente del Consiglio dei Ministri, era lui il Matteo, il ragazzo, sebbene abbia già una moglie e tre figli.

Salvini, dunque, da qualche mese è entrato prepotentemente a far parte, della quotidianità della comunicazione televisiva: il suo profilo Twitter ha segnato un incremento di followers notevole così come, in generale, tutti i suoi riferimenti social hanno incrementato i contatti.


La Lega Nord assume, quindi, un tratto di carattere nazionale e nazionalista nel senso più generale del termine o, ‘semplificazionista’, come ha scritto Giacomo Giglio su sinistraineuropa.it: «Il posizionamento del leader leghista è profondamente connaturato a quello che è diventata la politica italiana: una continua corsa al “semplificazionismo” (volendo usare un orribile neologismo), all’offerta di soluzioni politiche comprensibili e che siano comprimibili in uno slogan da social network. Questa tendenza, in verità, è presente ormai in tutto l’Occidente: oggigiorno un politico, per raccogliere consensi, deve esprimersi in termini parossistici e al limite del caricaturale».

Matteo Renzi ha assunto la funzione di tritacarne o assopigliatutto del consenso politico, come da molti angoli viene riconosciuto: anche da destra, d’altra parte, gli vengono attribuiti determinati meriti.
Il Presidente del Consiglio, però, non poteva avere come contraddittorio la voce di Berlusconi, giacché è formalmente suo alleato nell’ormai famosissimo Patto del Nazareno: la voce leghista sarebbe stata ottimale come pungolo alle politiche governative.

Lo ha scritto anche LorisCaruso su ‘Il Manifesto’ del 22 novembre: «Il segre­ta­rio della Lega è inin­ter­rot­ta­mente in tele­vi­sione, spesso due volte al giorno, dalla cam­pa­gna elet­to­rale per le euro­pee. Non può essere solo per­ché «fa audience» (fa audience?). Dopo, ci si pro­duce in con­ti­nue ana­lisi sul per­ché la Lega cre­sca nei son­daggi, cele­brando le doti del lea­der, le sue abi­lità comu­ni­ca­tive, la sua bra­vura ad inter­cet­tare gli umori popo­lari. La Lega cre­sce per­ché Sal­vini è in tele­vi­sione due volte al giorno. Una parte secon­da­ria del merito va anche alla sua capa­cità di indi­vi­duare poche chiare que­stioni per posi­zio­narsi sul mer­cato (No all’Euro e all’immigrazione). Ma nes­suno se ne accor­ge­rebbe se non ci fosse la prima condizione».

L’altro Matteo, parafrasando quasi il nome della lista delle elezioni europee che vedeva insieme Sel, Prc e ‘sinistra diffusa’, è necessario al Matteo di Governo: l’uno è funzionale all’altro perché se da una parte Renzi si vuole mostrare ‘sì piacente’ dall’altra deve avere un contrattacco potente.
Che sia sufficientemente in grado, inoltre, di intercettare una vasta porzione di corpo elettorale. Masochismo renziano? No: programma politico di gestione del consenso politico, più semplicemente.

Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

Partito Repubblicano al 47o congresso: la smorfia napoletana non aiuta!

Con il glorioso ma piccolo - ormai piccolissimo - Partito Repubblicano Italiano (vedi Wikipedia) il nostro infoblog Nuova Repubblica ha più che altro un termine in comune. Ci piace però ricordare un po' di storia, lontana e recente, ragionando di sfumature politiche ormai andate in disuso nei media tradizionali (che ormai si limitano al nome Matteo e poco più). Il partito repubblicano (che non ha a che fare con quello Usa se non nel nome) va al suo congresso numero 47. Ci auguriamo che non siano superstiziosi perché nella smorfia napoletana il 47 non è un numero appagante (vedi immagine)!

Centocinquantasei delegati sebbene in sala - in tutti e tre i giorni di celebrazione del congresso - non si arrivi a quelle cifre. Tre giorni di dibattito, mozioni, appelli e nonostante il partito (sito del Pri)  non sia in buona salute, voglia di ripartire.

Salvini gioca 'al furbo' mentre sdogana Casapound

La manifestazione romana di Matteo Salvini, il presunto leader di un fronte nazionalista italiano in stile Marine Le Pen, si è conclusa senza scontri. Anche la contromanifestazione anti Salvini è andata liscia, nonostante il corteo partisse da piazza Vittorio (nel quartiere multietnico Esquilino) a pochi metri dalla sede di Casapound, presente a piazza del Popolo con Salvini. I motivi per cui per giorni i media ne hanno parlato si sono - fortunatamente - sgonfiati. La destra nazionalista si è raccolta in una piazza riempita solo in parte, però quanto basta per non parlare di un fallimento. Presenti, oltre ai fascisti di Casapound, anche i Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni (non a caso ormai per identificare un partito dobbiamo nominare anche il leader).


La Lega Nord (- Padania) è un po' che flirta con Casapound, dalle elezioni europee 2014 dove è incominciato il nuovo corso salviniano, quello della capriola all'indietro per far dimenticare gli slogan antimeridionali e co…