Passa ai contenuti principali

(Non) Habemus Mattarellum


Il Parlamento ha eletto il nuovo presidente della Repubblica italiana. Il successore di Napolitano è Sergio Mattarella, poco noto al pubblico medio perché un po' defilato politicamente e mediaticamente.  Ma è comunque un personaggio importante della vita politica del nostro Paese. Mattarella diventa il successore in ritardo di Giorgio Napolitano, quel che non è stato Franco Marini nel 2013.Attualmente è membro della Corte Costituzionale, una delle più importanti istituzioni che una nazione detiene. Ha emesso la sentenza che ha reso incostituzionale il porcellum, la legge elettorale voluta dal centrodestra di Berlusconi, Fini e Casini che ha destabilizzato il quadro parlamentare e creato problemi alla governabilità. È stato anche un contestatore della legge Mammì, dal nome dell'allora ministro delle comunicazioni che permise la regolarizzazione delle reti Mediaset, allora in una situazione border-line. Mattarella è anche colui che ha firmato la legge elettorale che ha introdotto l'Italia nella seconda Repubblica, con la prima vittoria (stentata) di Berlusconi.


Questo ha scritto Matteo Renzi su Twitter (a proposito potete seguirci anche su Twitter). Sofferiamoci su "i collegi per i parlamentari"..perché ha sottolineato questo? La legge elettorale detta Mattarellum aveva introdotto i collegi uninominali, dopo i referendum elettorali voluti dal democristiano Mario Segni e dai Radicali, per i 3/4 dei parlamentari mentre fino al 1992 era esistito il sistema proporzionale con le preferenze. Renzi ha creato un percorso contorto per la riforma del sistema elettorale puntando su quello che è passato alle cronache come l'Italicum, impiegando un anno per avvicinarsi alla ratifica (era febbraio scorso quando si vantò di cominciare l'iter). L'Italicum non ha i collegi uninominali e non segue minimamente l'impianto elettorale del Mattarellum. È dal governo Monti che si attende una nuova legge elettorale e se il Pd si fosse impegnato avrebbe potuto reintrodurre il Mattarellum trovando una maggioranza.

Ora forse l'Italicum andrà in porto...oppure Renzi ha deciso di strappare con Forza Italia e rimettere tutto in gioco? Non è semplice chiarire cosa accadrà nei prossimi mesi anche se nel nostro redazionale abbiamo cercato di dare una vaga spiegazione:


AAA Presidente della Repubblica cercasi 


Intanto ci siamo andati vicino sul profilo istituzionale, pur non essendo Grasso. Pare che Mattarella, non avendo manie da protagonismo ed essendo riservato, possa essere un uomo buono anche per Renzi e per chi crede in un premier che sia perno del sistema politico italiano. Al momento, almeno formalmente, lo sono il Parlamento e l'intero Consiglio dei ministri. L'idea del suo nome non è però di Matteo Renzi. Ha permesso l'accordo con la minoranza Pd e l'ok di Sel e probabilmente c'è lo zampino di Napolitano in questa scelta. Sarebbe il primo caso in cui un presidente della Repubblica influenza la decisione del suo successore.

Ora rimane l'amletico dubbio se l'elezione di Mattarella sarà propedeutica per continuare la legislatura e il governo Renzi con l'attuale maggioranza, se serve per cambiare la maggioranza con un ingresso del partito di Nichi Vendola oppure se è arrivato il momento di porre fine a questa legislatura e andare al voto. Che significherebbe per il Pd e Renzi salvaguardare il consenso accumulato prima che nuova politiche antipopolari possano dissolverlo. Come ad esempio l'aumento dell'Iva al 25 per cento che partirà dal 2016.

LEGGI ANCHE:

Del presidente della Repubblica. Non capisco.


Post popolari in questo blog

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…