Passa ai contenuti principali

Faroer: la rivincita dell'ininfluenza


Calcio - Vittoria storica delle Isole Faroer in trasferta contro la Grecia, lontano dal calcio mainstream e dallo showbusiness dei soldi


Immagine da www.olimpiazzurra.com

Quando i riflettori si allontano da un certo punto del calcio italiano, forse è un bene ma dall'altra parte i media sportivi mainstream si perdono la bellezza della serie D, dell'Eccellenza e delle categorie che compongono il tutto il dilettantismo calcistico (Promozione, Prima/seconda/terza categoria).

Sarà una frase fatta ma se, per puro caso, un frequentatore abituale di stadi anziché andare a vedere la propria squadra del cuore militante in serie A, la quale molte volte non è la sua città di nascita ma tutt'altro, andasse a vedere queste serie minori scoprirebbe un mondo che ha conosciuto solo per sentito dire.

In realtà la scusa per abbandonare la serie A e vedere altre categorie ce l'hanno avuta molte 'nobili decadute' del professionismo: Perugia, Treviso, Padova, Venezia, Messina, Siena, Fidelis Andria, Mestre e l'elenco potrebbe continuare fino ad essere talmente lungo da non poter essere contenuto neanche in questo primo post di sport su NuovaRepubblica.

Nel 2014, dovrebbe essere verso la fine dell'anno, si è disputata la partita di qualificazione agli europei del 2016 Grecia - Isole Faroer.
Le Faroer, ormai, sono diventate un po' la mascotte di chi segue attivamente le alte sfere del calcio e del professionismo, la maggior parte di coloro che segue i vertici dei campionati italiani ed esteri guarda con simpatia il calcio faroese, specialmente quando si disputano i gironi di qualificazione e le isole tra Scozia e Islanda vengono pescate a giocare contro l'Italia.

Italia che, a onor del vero, non ha mai fatto una gran figura con le Faroer perché è colta dallo stesso sentimento che prendevo in considerazione sopra: li si crede irrilevanti, e (forse) lo sono in quello che è considerabile il calcio-showbiz.

Ma in Grecia - Isole Faroer qualcosa è andato storto: le isole si sono affermate per una rete a zero sulla nazionale guidata da un italiano (peraltro) che non è propriamente l'ultimo arrivato, ovvero, Claudio Ranieri.
Le Faroer segnano al 16' del secondo tempo con Edmundsson e forse non è un gol spettacolare né uno di quelli che verrà riprodotto su fotografie, poster in ricordo di quanto fatto, ma sicuramente è stato un traguardo non da poco per i faroesi.



Ranieri, colto nel post partita dai media Greci, si assume tutta la responsabilità della sconfitta: viene esonerato, in ogni caso, ma la questione non è la cacciata né eventuali colpe.
La questione principale è che le Faroer, bersagliate per la loro irrilevanza, finalmente hanno vinto e lo hanno fatto senza imponenti mezzi alle proprie spalle, fuori dalle mura amiche (come scriverebbero i giornalisti sportivi) e anche nel corso della ripresa in cui, specie se non si è professionisti ma si sta disputando una competizione continentale, le gambe e il fisico iniziano a cedere.

Post popolari in questo blog

L'alzheimer contemporaneo di Grillo che cancella la memoria del suo blog

Di Marco Piccinelli - La notizia, chiamiamola così, che è stata tra le più rimbalzate negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane degli scorsi giorni è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cosetecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito…

I "riders" si incontrano domenica a Bologna

Riders, in questo caso, non sta per centauri o motociclisti ma per coloro i quali effettuano consegne in bicicletta per piattaforme come JustEat, Glovo, Foodora, Deliveroo e chi più ne ha più ne metta. Ciclo-fattorini, chiamiamoli così, i lavoratori collegati tramite app a una delle piattaforme sopracitate che consegnano in bicicletta il cibo di ristoranti convenzionati direttamente a casa di chi ne fa richiesta. Il fenomeno è in vertiginosa espansione e, come spesso accade, di fronte ad un'ascesa così repentina si nascondono ombre lunghe.
Nella nota diffusa via Facebook dalla pagina Riders Union Bologna si legge:  «Sono ormai due anni che in tutta Europa i riders dei servizi di food delivery via app hanno alzato la testa e reclamato diritti e retribuzioni migliori. In tante città sono nati spontaneamente gruppi o collettividi lavoratori e lavoratrici che hanno smascherato la retorica delle piattaforme secondo la quale la cosiddetta gig economy sarebbe fatta di lavoretti volutame…

Afrin, i curdi delle YPG resistono agli attacchi dell'esercito turco

Continuano incessanti i combattimenti nel cantone di Afrin e nelle colline attorno la città fra Esercito Turco e YPG/YPJ, le Unità di Protezione del popolo degli uomini e delle donne curde. Il 28 gennaio, in un comunicato ufficiale, le YPG hanno comunicato di aver condotto una «operazione speciale» in cui le forze curde «sono riuscite a riprendere le posizioni che erano state precedentemente occupate dall’Esercito occupatore turco, coadiuvato dal supporto dei terroristi affiliati ad esso».

Nel corso dell’operazione «gli sforzi delle truppe turche si sono concentrati, così come quelli dei gruppi terroristici affiliati (Al Qaida, Al Nusra e Faylaq al-Sham), si sono concentrati sulla collina Kevire Kerr», nel distretto di Rajo, cantone di Afrin, «al fine di riprenderne il controllo». Per farlo, continua il comunicato, l’esercito turco «ha usato ogni tipo di bombardamento dall’aria, includendo jet, elicotteri e bombe al napalm, bandite a livello internazionale».


Nonostante gli sforzi mi…